| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

CASO 4

Page history last edited by Alessandra 3 years, 3 months ago

SEXTING

I rischi della rete

 

 

 

HOME

CASO 1 

Amanda Todd

un caso che ha scosso il mondo

CASO 2 

Ghadeer Ahmed

la ribellione nel mondo arabo

CASO 3 

Jasmine e Briana

il mondo della scuola

CASO 4

Rehtaeh Parsons

l'incubo in un click

CASO 5 

Phillip Albert

un caso controverso

 

TEMATICA 1 

Le emozioni e l'autostima


 

TEMATICA 2

Il ruolo della famiglia e degli insegnanti


 

TEMATICA 3

Educare all'utilizzo consapevole della rete


 

TEMATICA 4

La legislazione

                           

REHTAEH PARSONS

 


 

La sentenza choc ha indignato il Regno Unito che ha visto uscire illeso un giovane di 20 anni colpevole di un grave atto di bullismo e violenza. Il giovane aveva fatto sesso con una ragazza visibilmente ubriaca, addirittura mentre lei si sentiva male, per poi condividere le foto dell'accaduto con gli amici.  La vergogna per Rehtaeh Parsons fu troppa. Un click, una condivisione per trasformare la vita in un incubo. Prima venne emarginata, poi le chiamate: “Sei una t…a”, “Vuoi fare sesso con me?”. La denuncia, inutile, alla polizia, poi il suicidio a 17 anni, si è impiccata in bagno nella sua casa in Nova Scotia, in Canada. La storia, già di per sè sconvolgente, ha scioccato ancora di più dopo l'arrivo della sentenza: Il ragazzo è stato condannato a 12 anni di libertà vigilata e non trascorrerà, quindi, nemmeno un giorno in carcere. "Gli esseri umani fanno errori", ha dichiarato a Metro, "Non voglio vivere con il senso di colpa per aver ucciso qualcuno, certo so di aver sbagliato con le foto, ma non l'ho uccisa io".

 

 

PUNTI DI VISTA

 

Gruppo Anonymous:

Chi di Facebook ferisce, di Anonymous perisce: il collettivo di hacker che l’anno scorso riuscì a scovare l’identità di un cyberbullo che aveva spinto una teeneger al suicidio, torna a fare giustizia. Gli hacktivisti avrebbero infatti scoperto l’identità degli aggressori dell’adolescente che si è tolta la vita per disperazione dopo che le foto del suo stupro di gruppo sono finite su Facebook.

Anche stavolta è il Canada il teatro della giustizia privata di Anonymous. Retaeh Parsons, che aveva 15 anni al tempo dello stupro, era entrata in profonda depressione e poi era sprofondata nella disperazione più nera quanto le foto di quella tortura erano state postate su Facebook. 

Adesso Anonymous sostiene di aver identificato due dei presunti aggressori e di essere in attesa di poter confermare l’identità del terzo: ”E’ solo questione di tempo per trovare il quarto”, ha avvertito il collettivo in un video sul web in cui si chiede giustizia per Rehtaeh e la sua famiglia.

Nei giorni successivi al suicidio di Rehtaeh Parsons il gruppo attivista Anonymous ha lanciato una sfida alle autorità della Nuova Scozia. Anonymous dice di essere in possesso dei nomi di quattro sospetti e minaccia di divulgare le informazioni se giustizia non sarà fatta. In risposta alle critiche di chi ritiene le loro azioni "distruttive" ai fini delle indagini, Anonymous motiva il coinvolgimento alludendo ai vari crimini commessi in Nuova Scozia, aggiungendo che "una diciassettenne si è uccisa perché la polizia ha fallito nel suo lavoro.”

Fonte: http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/rehtaeh-parsons-suicida-a-17-anni-anonymous-scova-stupratori-1529056/

 

Polizia:

La polizia della Nova Scotia ha condannato l’iniziativa privata di Anonymous: ”Diamo il benvenuto al dibattito ma non perdoniamo quando c’è gente che vuole risolvere casi da sola”, ha detto il portavoce delle ‘giubbe rosse’ locali, Scott McRae. E’ il secondo caso in pochi mesi di una vendetta privata di Anonymous: gli hacktivisti, che due anni fa avevano messo in ginocchio i siti online di MasterCard, Paypal e Visa in appoggio a Wikileaks, lo scorso ottobre avevano rivelato l’identità del cyberbullo che avrebbe spinto la liceale canadese Amanda Todd al suicidio diffondendo sul web sue foto in topless. “Se vogliono lavorare con noi devono togliersi le maschere, purtroppo non credo siano pronti a farlo. Siamo aperti a collaborare con chiunque.” Hanno anche detto che, sulla base di "nuove e credibili informazioni", il caso di Rehtaeh Parsons verrà riaperto.

Fonte: http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/rehtaeh-parsons-suicida-a-17-anni-anonymous-scova-stupratori-1529056/

 

La mamma di Rehtaeh Parsons: 

Alla Giornata mondiale Suicidio, Leah Parsons, Madre Rehtaeh Parsons, ha detto che vorrebbe parlare della sua esperienza nelle scuole.

“Non si può pretendere che tutti ricevano il sostegno a casa e il ragazzo potrebbe non sapere dove trovare il supporto”, dice Parsons. “Deve iniziare nelle scuole.” E prosegue “Credo che i professionisti dovrebbero andare nelle scuole e parlare con i bambini, specialmente all’inizio dell’anno”.

Fonte: https://nobullying.com/rehtaeh-parsons/

 

APPROFONDIMENTI

 

 

                                                                                                                    

 

 

TRANSFER CASES

GLOSSARIO

LINK UTILI

BIBLIOGRAFIA

CREDITS

 

 

 

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.