| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Whenever you search in PBworks or on the Web, Dokkio Sidebar (from the makers of PBworks) will run the same search in your Drive, Dropbox, OneDrive, Gmail, Slack, and browsed web pages. Now you can find what you're looking for wherever it lives. Try Dokkio Sidebar for free.

View
 

CASO 2

This version was saved 6 years ago View current version     Page history
Saved by Alessandra
on May 27, 2017 at 10:55:02 am
 

SEXTING

I rischi della rete

 

 

 

HOME

CASO 1 

Amanda Todd

un caso che ha scosso il mondo

CASO 2 

Ghadeer Ahmed

la ribellione nel mondo arabo

CASO 3 

Jasmine e Briana

il mondo della scuola

CASO 4

Rehtaeh Parsons

l'incubo in un click

CASO 5 

Phillip Albert

un caso controverso

 

TEMATICA 1 

Le emozioni e l'autostima


 

TEMATICA 2

Il ruolo della famiglia e degli insegnanti


 

TEMATICA 3

Educare all'utilizzo consapevole della rete


 

TEMATICA 4

La legislazione

                           

GHADEER AHMED

 

Un'indagine della BBC ha scoperto che migliaia di giovani donne nelle società in tutto il Nord Africa, il Medio Oriente e l'Asia meridionale sono ricattate con immagini private e a volte sessualmente esplicite. Daniel Silas Adamson esamina come gli smartphone e social media sono in collisione con i tradizionali concetti di onore e vergogna.

Nel 2009 una ragazza egiziana, Ghadeer Ahmed, ha inviato un video clip al telefono del suo ragazzo. La clip mostrava Ghadeer ballare a casa di un'amica. Il video mostrava la ragazza con indosso un vestito rivelante che ballava senza alcuna inibizione.

Tre anni dopo, in un atto di vendetta dopo che la loro relazione era finita, il fidanzato ha postato il video su YouTube. Ghadeer sapeva che tutta la situazione (la danza, il vestito, il fidanzato) sarebbe del tutto inaccettabile per i suoi genitori, i suoi vicini, e una società in cui le donne sono tenute a coprire i loro corpi e comportarsi con riservatezza.

Ma negli anni in cui aveva inviato il video, Ghadeer aveva anche preso parte alla rivoluzione egiziana, tolta il hijab, e iniziato a parlare dei diritti delle donne. Indignata dal fatto che un uomo aveva tentato di metterla a disagio pubblicamente, lei decise di intraprendere un'azione legale e di condannarlo per diffamazione. Ma nonostante ciò il video è rimasto su YouTube e Ghadeer si ritrovò attaccata sui social media da parte di uomini che cercarono di screditarla.

 

PUNTI DI VISTA

 

Ghadeer:

Nel 2014 Ghadeer, stanca di preoccuparsi di chi avrebbe potuto vedere il suo filmato, prese una decisione coraggiosa: postò il video sulla propria pagina di Facebook. In un commento di accompagnamento, sosteneva che era ora di smettere di vergognarsi di usare il proprio corpo. “Guarda il video” scrisse “Sono una brava ballerina. Non ho motivo di vergognarmi”.

Ghadeer è più esplicita della maggior parte delle donne arabe, ma la sua situazione non è insolita. Un'indagine della BBC ha scoperto che migliaia di giovani, soprattutto ragazze e donne, sono minacciate con le immagini digitali. Ottenute da uomini, a volte con il consenso, a volte attraverso la violenza sessuale, queste immagini vengono utilizzate per estorcere denaro, per costringere le donne a inviare immagini più esplicite, o per costringerle a ricevere abusi sessuali.

 

Psicologo al-Inam Asha: 

La vendetta porno è un problema in tutti i paesi della Terra, ma la potenza di immagini sessuali deriva dalla loro capacità di infliggere vergogna per le donne - e in alcune società, la vergogna è una cosa molto più seria.

"In Occidente, è una cultura diversa", dice al-Inam Asha, uno psicologo attivista dei diritti delle donne in Giordania. "Una foto nuda potrebbe solo umiliare una ragazza. Ma nella nostra società, una foto nuda potrebbe portare alla morte. E anche se la sua vita non finisse dal punto di vista fisico, finirebbe dal punto di vista sociale e professionale. La gente smette di associarsi con lei e lei finisce per isolarsi".

 http://www.bbc.com/news/magazine-37735368

 

Avvocato:

Zahra Sharabati, un avvocato giordano, ha detto alla BBC che negli ultimi due o tre anni ha gestito almeno 50 casi che coinvolgono l'uso di immagini digitali o social media per minacciare o provocare vergogna nelle donne. "Ma in tutta la Giordania," dice, "Penso che il numero sia molto più alto. Non meno di 1.000 casi che coinvolgono i social media. Più di una ragazza è stata uccisa a causa di questo problema."

 

Agente di polizia:

Louay Zreiqat, un agente di polizia in Cisgiordania, dice che lo scorso anno l'unità crimini informatici della polizia palestinese ha gestito 502 crimini online, molti dei quali hanno coinvolto foto private delle donne. Il suo connazionale Kamal Mahmoud, che gestisce un sito web anti-estorsione, dice che riceve più di 1.000 richieste di aiuto ogni anno da donne in tutto il mondo arabo.

"A volte le foto non sono a sfondo sessuale. Una foto di una ragazza che non indossa un hijab potrebbe essere scandalosa. Un uomo potrebbe utilizzare questa foto per fare pressione alla ragazza per inviargli più foto" dice. "I paesi del Golfo si trovano ad affrontare un ricatto su vasta scala, in particolare le ragazze in Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar e Bahrain. Alcune ragazze ci dicono: 'Se queste foto sono rese pubbliche, io sarò in pericolo.'"

 

Nighat, capo di un'ONG:

In Pakistan, Nighat, capo di un'ONG dedicata a rendere il mondo in linea più sicuro per le donne, dice che "due o tre ragazze o donne ogni giorno", circa 900 all'anno, contattano la sua organizzazione perché sono minacciate.

"Quando le donne sono in un rapporto in cui condividono le loro immagini o video," dice. "E se la relazione finisce, non su una nota positiva, l'altra parte abusa dei dati e le ricatta dicendole, non solo di rimanere nel rapporto, ma di fare ogni sorta di altre cose strane."

Ma va oltre il ricatto. Nighat Papà sta anche iniziando a vedere un inquietante legame tra smartphone e la violenza sessuale.

"E 'iniziato dalle immagini intime, ma ora ha una connessione molto grave con lo stupro in sé", dice. Prima di queste tecnologie, in cui gli autori sono soliti stuprare non avevano idea di come mettere a tacere la donna ... Ma ora la tecnologia porta un altro aspetto a tutta la cultura dello stupro, ed è di mettere a tacere le donne facendo un video e poi a minacciandole che se ne parlano, il video sarà condiviso on-line."

 

APPROFONDIMENTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                    

 

 

TRANSFERT CASE

GLOSSARIO

LINK UTILI

BIBLIOGRAFIA

CREDITS

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.